FARMACODYNAMIA ED APPLICAZIONI TERAPEUTICHE
DELL'IBOGA E DELL'IBOGAINE





racine Iboga

 

ACCOGLIENZA

INDEX

1/la pianta

2/la religione di eboga

3/iboga ed addiction

5/album foto

L'ibogaine in psicoterapia e nella lotta contro la farmacodipendenza agli stupefacenti

Robert GOUTAREL, Direttore di Ricerca Onoraria al C.N.R.S.;
Otto GOLLNHOFER e Roger SILLANS, etnologi, C.N.R.S.
(Francia, Centro Nazionale della Ricerca Scientifica,

 

 



VII
Esperienze di morte imminente

 

Secondo i Mitsogho, gli iniziati non vedranno il Bwiti che due volte nella loro vita: il giorno della loro iniziazione ed il giorno della loro morte.

Ciò significa che le visioni all'approccio della morte che è chiamata esperienze della morte imminente, NDE "near death experiments"), sono gli stessi che le visioni normative.

Sappiamo che al momento di morire, alcuni individui vedono tutta la loro vita sfilare davanti ad essi. Da tutti quelli che è "scampati della morte", una trasformazione spettacolare è osservata. Non temono più la morte, si sentono più forti, più ottimisti, più calmi e contemplano più positivamente la loro vita.

Due americani, il psychiatre Raymond Moody 42 ed il cardiologo Michaël B. Sabom,52 si sono interessati particolarmente ai manifestazioni oniriques dei NDE.

Dopo un studio statistico di 150 persone "scampate della morte", M.B. Sabom ha stabilito un quadro di queste manifestazioni.

Quadro di Sabom

fase autoscopique 

1. sentimento soggettivo di essere morto

2. pace e benessere

3. azione di disincarnare

4. Visioni di oggetti marériels e di avvenimenti

fase trascendentale 

5. galleria e zona scura

6. Valutazione del passato

7. Luce

Da 8. un mondo trascendentale. Entrata nel la luce

9. Incontro di altri esseri

10. Ritorno alla vita

La maggior parte di queste manifestazioni sono state incontrate nel Bwiti Mitsogho. A partire dal terzo stadio, una visione piacevole e pacifica, un'azione di disincarnare,; il neofita si sente avvolto di un soffio che lo trasporta in un villaggio sconosciuto senza principio né fine; una visione di due Esseri straordinari, Nzamba-Kana, il primo uomo sulla terra, e Disumba, la prima donna. Il villaggio è coperto di scintille, una palla brillante appare allora, il sole, e la luna e le stelle. Il sole si trasforma in un magnifico giovane uomo, il Dottor del Mondo, e la luna, in una bella donna, sua sposa, la madre dei suoi bambini, le stelle. Il vento riconduce l'iniziato sulla terra dove rinasce e è salutato con gioia e fierezza per i maggiori.

Nel Bwiti Fang, dove si osserva un sincretismo tra il cristianesimo e le religioni degli antenati, è difficile, a causa delle numerose forme divergenti, di descrivere coerente corrispondente un tutto alle visioni normative dei Mitsogho.

Interviste del giovani francese

Tuttavia, delle interviste dei giovani bianchi della Francia che hanno augurato sperimentare l'iniziazione al Bwiti Fang, mostrano una serie di visioni caratteristiche della loro cultura occidentale e generalmente cristiana e che si accordano col quadro di Sabom per la maggior parte.

Così, nel racconto di un giovane uomo chiamato Christophe, dopo alcune visioni personali di tipo freudiano ed alcune visioni influenzate dal Bwiti Fang, c'è la seguente descrizione: un bianco assoluto, un blu incredibilmente luminoso, la gioia e la perfezione del blu, un suono grave e cavernoso, una luce brillante che attraversa la fronte come un terzo. egli, cose viste nell'astrale, la visione di un mondo spirituale che non può essere visto col corpo, un enorme sole alimentato dalle nostre particelle, luce di cui facciamo parte, il paradiso che non può essere raggiunto che attraverso lo spirito, la percezione di una busta che l'impedisce di raggiungere il mondo spirituale, ecc.

Le visioni, al tempo stesso nel Bwiti Mitsogho ed il Bwiti Fang, sembrano essere dominate dall'impressione di luci brilantes che troviamo nel secondo stadio descrive da H.S. Lotsof nel suo primo brevet39 (H.S). Lotsof, U.S. Patente 4, 499,096, Feb. 12, 1985.

Dopo un primo stadio caratterizzato dalle visioni di tipo freudiano, il secondo stadio è segnato da un'energia importante durante la quale danza intorno all'argomento della luce o dei brevi lampi luminosi. Durante questo periodo, dei pensieri continuano che sembrano amplificare il significato delle visioni osservate durante la prima fase. È il periodo delle domanda-risposte descritte da uno degli argomenti trattati dal metodo Lotsof.

Ciò che è importante, questo è che la fase luminosa delle domanda-risposte sia seguita da un sonno riparatore di cui il paziente si sveglia in grande forma e con una nuova fiducia in si.

Lotsof nota che i primi due stadi durano insieme di 24 alle 48, addirittura oltre, ininterrotte per le 3 o 4 di sonno. Questo bisogno riduce in sonno può continuare di 1 a 4 mesi.

La persistenza di questo effetto a lungo termine è in accordo con l'ipotesi (I.M). Maisonneuve, 1991,; S.D. Glick, 1991, di un métabolite di una lunga durata di vita.

Certi argomenti trattati secondo Lotsof, si guardano per un tempo abbastanza lungo l'impressione da essere sotto l'influenza dell'ibogaine.

Una giovane donna olandese scritta: "Ho perso molto d '' interesse per le droghe in generale, perché l'effetto dell'ibogaine va al di là dei loro effetti, anche se non è necessariamente di un modo piacevole", e "Fino a quattro mesi dopo il trattamento, ho custodito molto intensamente, l'esperienza dei colori e della luce.

La conclusione del rapporto fa da questa donna di 25 anni recentemente, 6 mesi dopo il suo trattamento per l'ibogaïne, orologio bene che questo alcaloide non agisce come il sostituto di una droga, tipo méthadone, ma per una modifica reale di ciò che chiama il suo "addictive ego:"

"Ibogaine was ha mentale process for io, ha sorte of spiritual purificazione and ha truth siero of which I had to esperienza its results through time. It's only now, after sei months, that I can say Gli am not addicted anymore. It takes time to ammise is no that there way back. Ibogaïne is not tè soluzione in itself, although it takes away withdrawal completely. Ibogaïne helps you to realize that all knowledge is avalaible to pulisce yourself through will power. It's up to you tasso you ara ready to give up your addictive ego.."40

La decisione recente del Nazionale Institute si Drug Abuse, NIDA, di aggiungere l'ibogaïne all'elenco delle droghe di cui l'attività nel trattamento delle tossicodipendenze deve essere valutata, dovrebbe condurre le autorità competenti dei paesi europei ad imbarcarsi nella stessa via. Questo si applica in particolare alla Francia, dove le ricerche sull'iboga ed i suoi alcaloidi hanno cominciato alla fine del diciannovesimo secolo e hanno continuato bene al di là della seconda metà del ventesimo secolo.

Se si considera l'insieme dei ricerche pharmacodynamiques e cliniche fatte sull'ibogaïne, si constata che questo alcaloide è una delle chiavi del campo appassionante ed attuale dei neurosciences, dispiacendo che sia stato condannato ingiustamente come allucinogeno ed augurando che sia creato un organismo pluridisciplinare che raggruppa etnologi, medici, psichiatri e psicologi, chimici, farmacisti e farmacologi e, perché non, giornalisti specializzati, affinché sia dato un parere definitivo sulle proprietà terapeutiche dell'iboga e dell'ibogaïne da cui l'utilizzazione deve porre dell'importa problemi di etica medica.


Sottolineando il doppio interesse dell'ibogaïne :
1)-antidepressivo IMAO ad azione veloce, moderatore del dopamine ed inibitore del cholinesterase di cui si comincia ad intravedere l'importanza, alle dosi dicono terapeutici.
Dosi hanno detto subtoxiques, potente attrezzo di esplorazione del cervello, tramite il sogno cosciente allo stato di vigilia, chi permetterà forse di dare una risposta alla domanda di Francis CRICK": Chi guarda lo schermo di televisione che abbiamo nella testa?"(10)

 

 

Indice dell'articolo


[SEGUITO] [ACCOGLIENZA] [ALBUM FOTO] [INDICE]