Agrobuti quid |Libertages | home |

-----------------
- 0 results - ok agrocalenda quid..
 - canto continuo che dona pioggia al cuore giardino | foto Seba | link | audio (canto 36:25  id 1355 )
CANE vedo in strada, ricorda 1 lezione, elfo un di mi porta, presso ragnatela, mi domanda cosa, sta facendo il ragno, vedo fa 1 tela, per procurarsi 1 pasto: guarda + vicino, senti sottil suono, venire dalla bocca, del ragno sulla tela, ogni volta che la tocca, suono va uscire, portato dal vento, radice mi vuol dire; il ragno suonava, sua tela cantava, 1 sua preghiera che, in ritorno reca cibo, pioggia ai contadini. Tago poi mi porta, presso 1 tempio Buddha, dove 1 cane sosta, che cosa sta facendo? Io dissi si rilassa, guarda meglio ascolta, io vidi cane abbaia, basso di frequenza, uno spirito è d'avanti, abbaia a spiri oscuri, e prega spiri santi. Eroe dai mille volti, Seba invoca Shirdi, viaggia con coraggio, entro leggende, al cuore del messaggio, a compito concluso, Jesus chiude porta, Monaca di Dresda, tal profezia ricorda: con labbra di cuore, e calda coscienza, vado a cantare, l'eterna mia essenza, addensa pensieri, e nuvole oscure, vedo sull'orto, riflesso entro me; perdo e non vedo, scopo che tenevo, osservo ogni paura, emergere dall'ego, riprendo a cantar, calmo io straniero, ogni ego che teme, mantra cuore vero. Il mondo riacquista, senso con scopo, emerge il bisogno, di vivere il luogo, incanto d'assaggio, torno in capanna, 2 giorni a rodaggio, seguito a cantare, senza distrazione, facile e leggera, senza costrizione. Delizia sentire, m'incita seguire, gioia in 5 giorni, sale a non finire, effetto naturale, prodotto da esercizio, dopo prima spinta, ruota come sfizio; se voglio movimento, durar senza fine, ungo il meccanismo, dando nuove spinte, fermo sento vuoto, riprendo son felice, se qualcuno incontro, posso bene dire. Igiene di mente, canto tutto il tempo, semplice cuore, gioia e rapimento, Cuore va in calore, ama ancor giocare, passo tutta estate, agrobuti recitare. Sento un altro mondo, senza difficoltà, mia piccola capanna, palazzo va sembrar, canto 1 nome Tago, rimuovo l'imbarazzo, parlano antenati, nel Terabuti viaggio: mi sento recitar, pur se viene il freddo, se gelo mi colpisce, canto solo intento, se fame fa insistente, canto e bevo acqua, mi sento allora caldo, amato e confortato. Aborigeno giardino, al cuore riscaldato, raccolgo le verdure, da orto ritrovato, cammino al paese, sopra ponte Drago, canto meraviglie, del canyon del Biedano. Totem sul sentiero, gli parlo li saluto, mi mostrano mistero, di nascita e morte, caccia è la risposta: umana sussistenza, produsse cacciatore, uccide e da la morte, diventa allevatore, entrambe son passaggio, rito di confine, pianta fa lo stesso, muta ogni soffrire. Vibra la Foresta, nel buiti sottofondo, piano mi trasporta, arco di Mongongo, lezione interattiva, una storia di radice, di umana sintonia, rivela gradualmente, talvolta chiede prezzo, e riapre la corrente, ognuno va parlare, aperte son sue porte, accelera gioco, di mille mie domande, tutte collegate, al bisogno umano grande, un rito di passaggio, al mondo trasognante. Radice ferma tempo, neuroni mi corregge, elfo Tago appare, messaggio mi protende, la pianta suggerisce, lingue equivalenti, rosso bian caolino, ovunque ricorrente.

quid motimbo ..
- 0 results

fine ricerca: 0 voci motimbo censite
-----------------------------------------------