Agrobuti quid |Libertages | home |

-----------------
- 0 results - ok agrocalenda quid..
 - 55c5c0585b5e42ef323149f8f048fbf7b405cfc962d5d138b76c7a15f5ca4550 - Mitombo mya Obaka, canto inizio d'arpa, mwenza repertor, di pinzi tsogo e fang, annuncia inizio riti, a neofiti in marcia | marcia in oscurita', attendon luce alba, mitombo mio okaba: ai piedi albero di vita, io ho visto luce sole, di luna e di stelle, Bussengue parti', a coglier frutti selve | su un albero sale, di paludose zone, cade con i piedi, in ramo biforcato, sparpagliano intestini, penetrano suolo, arpa nasce li, radici vaniglia al volo | nacquero sue corde, da cielo fino terra, dentro sottosuolo, abbracciano mascella, arpa in basso sei, la morte del sepolto, in alto pure morte, da bocca fugge soffio | il Bwete + grande, e' vecchio antenato, che dimora a monte, e vibra tra i denti, uccello che saltella, e articola parole, arpa tu piangi, per l'albero che muore | Oh padre Nzambe-Khan, io temo iniziazione, poiche' cuore di banzi, e' pieno di amarezza, ma quello dell'anziano, e' pieno di visioni, solo vecchio arco, che t'insegno' a parlare, esiste dietro l'arpa, nessuno puo' passare vilinkaudio (canto 19:69:4  id.1032mitombo mya obaka,busengue')
dettagli quid motimbo ..
244 --> annuncia inizio di riti, ai neofiti in marcia in oscurità, attendon luce di alba: "Ai piedi di albero di vita io ho visto luce di sole, luna e stelle. Busenguè partì in foresta a coglier frutti, salì su un albero che cresce in luoghi umidi, fè caduta e suoi piedi incagliati su ramo biforcato, sparpagliano intestini penetrando suolo. Là ebbe origine arpa, da radici di vaniglia nacquero sue corde, dal cielo scese in terra fin mascelle di cadaveri, Oh arpa! in basso tu sei la morte poichè, ciò che nasce va a morire, oh arpa in alto tu sei morte, poichè dalla bocca fugge soffio di arco tuo genitore che iniziò nel tuo grembo, secondo la canzone: Bwetè più grande è vecchio antenato che dimora a monte e vibra tra i denti, scese da nostro pà Nzambè come pioggia al suolo, Disumba sei inizio-fine, piede fisso a terra, colonna che sostiene l'edificio. || Oh arpa tu piangi per il taglio dell'albero che ti ha generato, mentre cordone-placenta, marciscono al suolo dove aderiscono ad ossa. Oh padre Nzambè, io ho paura dell'iniziazione poichè il cuor del neofita, è pien di amarezza, quel dell'anziano è pien di visioni di aldilà, così dietro suono d'arpa, nessuno può passare, solo vecchio antenato, che parol le volle dare brano

fine ricerca: 1 voci motimbo censite
-----------------------------------------------